Le autorità di Israele sempre più preoccupate dalla campagna internazionale di Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni (BDS). Un interessante articolo di un giornale economico israeliano


Ambasciatori israeliani: “gli investimenti economici sono essenziali anche per la sicurezza nazionale e nel campo politico”
Ambasciatori israeliani identificano la promozione delle relazioni economiche ai livelli più alti come un pilastro centrale del loro lavoro, che possono anche aiutare nel portare avanti le relazioni politiche. In un incontro con il giornale israeliano The Marker, hanno rotto il silenzio circa le campagne di boicottaggio delle merci provenienti da Israele, e parlano della lotta contro il boicottaggio.
Gli ambasciatori israeliani all’estero non vedono più lo sviluppo e il rafforzamento delle relazioni economiche e commerciali con i paesi in cui sono rappresentanti come un obiettivo minore di quello di sviluppare e rafforzare le relazioni politiche. Al contrario, secondo loro, una combinazione di questi due obiettivi permette una maggiore efficienza nel raggiungimento degli obiettivi politici per i quali sono responsabili. L’interesse economico che si crea per la tecnologia israeliana, per esempio, li aiuta a mettere da parte gli appelli per il boicottaggio di Israele. Gli ambasciatori lavorano a stretto contatto con gli addetti commerciali del Ministero del Commercio, dell’Industria, del Lavoro e delle Finanze. Secondo loro, il contributo dell’ambasciatore è quello di aprire le porte ai più alti livelli, che gli addetti non raggiungono.
In molti paesi in cui esiste una stretta connessione tra i settori commerciali e di governo, come in Cina, un funzionario politico di alto livello coinvolto nella promozione delle imprese e doppiamente importante. Tuttavia, anche in stati competitivi come la Francia, in cui gli uomini d’affari vengono fotografati più spesso salendo sull’aereo del Presidente prima di un volo congiunto piuttosto che davanti alle loro fabbriche, l’ambasciatore ha un notevole peso nella promozione delle imprese.
In una recente riunione convocata da The Marker, i partecipanti comprendevano l’Ambasciatore in Gran Bretagna, Ron Prosor, l’Ambasciatore in Francia Daniel Shek, l’Ambasciatore di Colombia Meron Reuben, il Console Generale a Shanghai, Jackie Eldan, il Console Generale a Boston Nadav Tamir, il Console Generale a Mumbai Orna Sagiv, e il vice direttore generale degli Affari economici per il Ministero degli Esteri, Irit Ben Abba.
Nel giugno 2008, un incontro è stato condotto tra più di 100 alti funzionari della British Telecom e rappresentanti di 19 società start-up israeliane nel settore delle comunicazioni nel tentativo di creare partnership commerciali. “Ho aperto la porta al CEO della British Telecom, Iain Livingston”, ha detto l’ambasciatore Prosor. “Dopo l’incontro, le cose cominciarono decollare”, ha aggiunto, e non dimenticate di dare credito all’addetto commerciale di Londra, Gil Erez, “che fa un ottimo lavoro”.
E, infatti, questa settimana, la British Telecom ha firmato un accordo aziendale con il Responsabile Tecnico Scientifico del Ministero dell’Industria, del Commercio e del Lavoro, nel quale la British Telecom collaborerà con start-up israeliane con il finanziamento congiunto di entrambi le parti.
Per l’ambasciatore Prosor, il modello da imitare è Dick Cheney, Vice President statunitense sotto il presidente George W. Bush. “Dick Cheney chiamò Efraim Sneh, che a quel tempo era il Ministro dei Trasporti, e gli ha parlato dell’importanza dell’acquisto di aerei Boeing (realizzato negli Stati Uniti, ndr) e non Airbus (made in Francia, ndr). Sneh non aveva altra scelta e ha capito quale doveva essere la decisione”, ha detto l’ambasciatore Prosor.
“È da anni che sto cercando di recuperare da questa storia dell’Airbus”, ha dichiarato Shek, l’Ambasciatore in Francia. “Ho visto Martin Indyk, l’ex ambasciatore statunitense in Israele, lavorando per conto di società statunitensi per aprire le gare governative alle loro auto in Israele. Questo è il modello da seguire”, ha aggiunto. Shek ha anche un suggerimento pratico. Secondo lui, le rappresentanze all’estero costano e si può anche misurare il proprio successo quantitativamente in denaro che portano a un risultato di partnership commerciali. Secondo lui, le ambasciate devono coprire i costi del loro mantenimento in questo modo, e l’ambasciatore deve essere in prima file in quest’impresa.
Legislazione contro il boicottaggio
Il 2009 è stato caratterizzato da due crisi sul fronte diplomatico- economica israeliano. La crisi economica globale ha ridotto le esportazioni israeliane di circa il 20 per cento. Inoltre, a seguito dell’operazione “Piombo fuso” a Gaza all’inizio del 2009, e la mancanza di progressi nei negoziati politici, la pressione di gruppi filo-palestinesi sui consumatori in tutto il mondo a boicottare i prodotti israeliani è aumentata. Questa pressione è apparsa, tra altri luoghi, in Gran Bretagna, Sud Africa, Francia, Turchia, Dubai, negli Stati Uniti e la Malaysia.
Gli appelli per il boicottaggio dei consumatori si faceva su una larga gamma di beni, da cibi e bevande nei supermercati a sistemi di comunicazione della Motorola, da sistemi di sicurezza da Elbit Systems a diamanti dai negozi di lusso di Lev Leviev. Fino ad ora, e sotto la pressione degli industriali, le relazioni pubbliche israeliane hanno scelto di ignorare gli appelli per il boicottaggio, con il presupposto che è meglio non parlarne, in quanto qualsiasi pubblicità data alla campagna rischiava di aumentare il fenomeno. Su questo sfondo di negazione, la volontà di Shek e Prosor a parlare di come affrontare gli appelli a boicottare Israele è notevole.
Shek: “Parigi è una versione “light” confronto a Londra dal punto di vista delle richieste di boicottaggio, ma non si può dire che non ci siano tentativi di imporre un boicottaggio. In Francia si sono concentrati sulle questioni economiche, mentre a Londra il boicottaggio è anche accademico e culturale. In Francia è del tutto marginale da un punto di vista economico, anche se ha un impatto più che consistente sull’immagine. Ogni poche settimane dei prepotenti entrano nei supermercati, al fine di gettare le casse di avocado e gridare ai clienti di non acquistare beni israeliani. Queste azioni non compoteranno una diminuizione nel lavoro di Agrexco in Francia, ma potrebbe causare danni cumulativi all’immagine di Israele. Io percepisco il ruolo degli ambasciatori come quello di conservare un ambiente favorevole per gli industriali e gli esportatori. Questo dunque fornisce un ampio spettro di attività di pubbliche relazioni. In un paese in cui l’atmosfera generale nei confronti di Israele è positivo, gli esportatori hanno una migliore possibilità di successo. Pertanto, non trascuro le implicazioni, e abbiamo diverse azioni d’iniziativa che l’ambasciata coordina, ma non conduce.
“Per esempio, ci aiutano organizzazioni quali le camere di commercio e le organizzazioni di amicizia con Israele e non lasciano che queste azioni passino senza un risposta. Godiamo di un ambiente giuridico favorevole in quanto la Francia ha una severa legislazione contro il boicottaggio, e noi incoraggiamo le organizzazioni di citare in giudizio chi organizza il boicottaggio. Conduciamo attività politiche presso l’ambasciata direttamente con i ministri, le organizzazioni, gli studenti e i consumatori, che si stanno svegliando. Questo è stato fatto. In ogni caso, stiamo attenti a non spingere troppo, in quanto al momento la campagna non ha ancora ampia esposizione mediatica e io non voglio essere colui che fornisce una massa critica necessario per sfondare all’opinione pubblica generale.”
Prosor: “In Gran Bretagna, l’oggetto del boicottaggio accademico e culturale è stata espresso al Festival di Edimburgo, nel boicottaggio da parte dei sindacati e altri inviti a boicottare. Questo è un argomento molto importante, in quanto, dal mio punto di vista, è l’inizio di una valanga che deve essere fermata con azioni intelligenti e mirate prima che diventi troppo grande, senza fornire però, esposizione mediatica. Lo osserviamo nella sua interezza. Oggi il clima nei confronti di Israele in Gran Bretagna è tale che necessità di azioni dappertutto al fine di consentire un’atmosfera buona nella qual lavorare. C’è una relazione tra le buone relazioni economiche e l’impatto del boicottaggio. Vediamo le differenze in Galles e in Scozia. In Galles, attraverso un lavoro concentrato dell’ambasciata, siamo riusciti a creare la cooperazione nel settore delle apparecchiature mediche e del acqua tra israeliani e le imprese locali. È chiaro che quando ci si concentra su una zona con vantaggi economici e si creano le connessioni con l’industria israeliana, questioni periferiche hanno un minore impatto.
“A parte gli appelli al boicottaggio da parte di sindacati e di altri gruppi, in pratica non vi era alcun danno per le esportazioni israeliane. Ci sono appelli a boicottare Israele e ci sono azioni sporadiche, anche nei supermercati. Un mese fa, il governo britannico ha deciso di etichettare prodotti che vengono dagli insediamenti, e questa decisione non viene attuata. Le chiamate a boicottare la fabbrica Eden Water in Scozia (a partire dalla fine del 2008) non hanno in questa fase effettivamente danneggiato le vendite, e stiamo lavorando in modo che non ci siano effetti sulle vendite. Al momento, non vedo che il boicottaggio nuoce alle esportazioni israeliane, ma dobbiamo essere preparati”.
Tamir: “L’aspetto economico crea un discorso diverso da quello politico. Quando si organizzano eventi al MIT o Harvard su argomenti relativi alle innovazioni di Israele, si crea un discorso positivo su Israele, che spinge l’aspetto politico ai margini”.
Gli israeliani tornano
Tamir da Boston: “Abbiamo imparato che gli investimenti economici sono una componente centrale della sicurezza nazionale, con i quali dobbiamo trattare e che ci trasformano in protagonisti importanti nel campo politico. È possibile creare la sinergia tra tutti i campi, ma quello economico è centrale”.
“Per esempio, Edward Markey, deputato del Congresso statunitense che si concentra sulle questioni dell’ambiente e delle energie alternative, è una persona importante per i rappresentanti israeliani in campo politico. Con la mediazione dell’ambasciata, ha invitato Shai Agassi ad un’audizione nella sua commissione del Congresso. Ora aspettiamo che in futuro sarà più facile promuovere le questioni politiche con Markey.”
Ben Abba dal Ministero degli Esteri: “Se possibile, dobbiamo creare eventi o interesse nel mondo in prodotti israeliani unici. In Cina e in India questo sta funzionando bene. Dimostra come una massa critica viene creata che porta a dire «vogliamo quella tecnologia e non ci importa se viene da Israele». Questo è il nostro compito nel Ministero degli Esteri, promuovere le tecnologie più avanzate”.
Col senno di poi, mentre il 2009 ha visto cacciare la maggior parte degli investitori israeliani dall’India, è stato anche un momento in cui, attraverso agevolazioni fiscali, decine di israeliani, alcuni dei quali puittosto ricchi, sono tornati in Israele da Londra e da Shanghai. Quelli che sono tornati comprendono Saul Zakkai, Arnon Milchan, Sami Ofer, Shai Agassi, Yoav Gutsman e Teddy Sagi.
“Negli ultimi due anni, non ho visto nuovi investimenti israeliani in India”, ha detto Sagiv, Console Generale a Mumbai. “Al momento ci sono investimenti israeliani in India di circa 3 miliardi di dollari. I più importanti sono Moti Ziser in immobiliari, agricoltura e scienza della vita, e Meshulam Levinstein in immobiliari. Nei primi tre trimestri del 2009, c’è stato un calo di circa il 40 per cento delle esportazioni verso l’India e il 35 per cento delle importazioni da esso. L’anno scorso, abbiamo cercato di sostenere gli esportatori attraverso il programma Shavit (attuato da un istituto di esportazione con finanziamenti governativi). ”
Innovazione israeliana
Scambi con la Francia sono anche diminuiti – a un più moderato 20 per cento – ma allo stesso tempo l’interesse delle grandi aziende francesi di investire in Israele è cresciuto. “Ci sono nuove società francesi che sono interessate ad entrare in Israele, e questo trend lo noteremo nei prossimi due anni “, ha dichiarato Shek. “È iniziato con Renault. La Renault è estremamente orgogliosa del fatto che Israele sarà il primo paese in cui le sue auto elettriche saranno commercializzate. Inoltre, una società controllata dalla azienda elettrica francese, che si concentra sulle energie alternative, sta cominciando a competere in gare per il solare in Israele”.
I rapporti calorosi tra le comunità di scienze della vita di Israele e Boston si sono raffreddati durante la crisi economica e c’è stato un brusco calo in investimenti statunitensi in società israeliane, ma viene compensato da diverse direzioni. “Con noi, la questione è partenariati strategici e investimenti “, ha detto Tamir.” Nel 2009, una sostanziale riduzione degli investimenti è stata percepita, ma vi è un notevole interesse per l’innovazione israeliana, soprattutto nei settori in cui gli Stati Uniti mettono l’enfasi, come energie alternative, oltre alla sicurezza e alla scienza della vita”.
In Cina la crisi ha danneggiato il lavoro delle aziende israeliane nei settori dei microchip e dell’elettronica. Secondo Eldan, il Console Generale a Shanghai, anche se nella seconda metà del 2009 gli ordini importanti sono tornati, alcuni degli israeliani che hanno lasciato con la chiusura delle linee di produzione non sono tornati a Shanghai quando sono state riaperte.
Nel 2009, le società israeliane hanno iniziato a scoprire il mercato del Sud America e la Colombia. L’azienda Telrad ha inviato un rappresentante permanente in Colombia e la Merhav ha realizzato il più grande investimento – di US $250 milioni – nella attuazione di una fabbrica per la produzione di etanolo da zucchero con un partner brasiliano.
La caratteristica distintiva della comunità d’affari israeliana in Gran Bretagna è quella di “tornare a casa”. Secondo Prosor, la crisi economica, il cambiamento in materia fiscale britannico e il rapido cambiamento nelle politiche fiscali israeliane hanno portato ad “un esodo piuttosto massiccio” di alti funzionari del business che stanno tornando in Israele.
Questo articolo è apparso in The Marker mercoledì, 27 gennaio 2010.
Tradotto dall’ebraico dal Alternative Information Center (AIC).


Originale in inglese: http://www.alternativenews.org/english/2411- israeli-ambassadors-economic-investments-are-also-central-to- national-security-and-the-political-field-.html

Annunci

Tag: , ,

2 Risposte to “Le autorità di Israele sempre più preoccupate dalla campagna internazionale di Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni (BDS). Un interessante articolo di un giornale economico israeliano”

  1. francesca coscia Says:

    SONO D’ACCORDO SUI COMPORTAMENTI VIOLENTI DI ISRAELE VERSO I MUSSULMANI, CHE ODIO. DEVO SCONTARE AGLI ARRESTI DOMICILIARI 2 ANNI, CON 2 ORE DI PERMESSI AL GIORNO. SONO DISPOSTA A TUTTO PUR DI FAR PARTE DEL MOSSAD ED ELIMINARE ANCHE FISICAMENTE I NEMICI DI ISRAELE. CONTATTAEMI, FRANCESCA COSCIA. VIVO IN UNA CASA FAMIGLIA PER DISABILI PERCHE’ ANCHE IO STO’ IN CARROZZINA.

  2. circolodelirio Says:

    io sono pro palestina, se tu non lo avessi capito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: