Io sono strano? beh…no, però…..

Riporto un post interessante, dal blog di Beppe Grillo, il quale ( credo) rappresenti il mio pensiero.

Gli altri siamo noi. Siamo noi i diversi. Persone che quando dicono: “albero” intendono dire solo e proprio: “albero“. E quando dicono: “disonesto” vogliono dire solo e proprio: “disonesto“. Chiamiamo le cose, i delinquenti con il loro nome. Siamo noi: “The others“. Ci troviamo senza neppure sapere le ragioni alieni in una realtà separata, stranieri di QUESTA realtà. Loro, gli altri a noi, ci credono, ci vivono, ci stanno bene in questa Italia disperata e alla deriva. Gli è sufficiente pensarsi in Paradiso per negare l’Inferno. Noi, gli altri, non ci riusciamo. E’ più forte di noi. Rompiamo amicizie, legami familiari, rapporti di lavoro perché, pur con tutto l’autocontrollo di cui siamo capaci (che è molto poco), non riusciamo a stare zitti. Noi siamo altrove. Non possiamo vedere ciò che non esiste. Gli altri a noi invece possono, vogliono credere all’informazione che li lega al suolo. Sono dotati di super poteri all’incontrario e portano una corazza che non si può scalfire. Potrebbero volare, ma non sanno di avere le ali. Se gli altri siamo noi, gli altri a noi sono la maggioranza assoluta degli italiani. L’altro è infatti tale solo se è in minoranza, per questo è altro, per questo è un diverso. E’ minoranza di una maggioranza. La sua voce può sembrare sgradevole, ciò che dice antipatico. E’ un ufo sociale, un marziano. Uno che nega l’evidenza condivisa da tutti, che parla per partito preso. Chi è altro è un sopportato al pranzo della domenica, alle discussioni tra amici, alla macchinetta del caffè aziendale, nella sala d’aspetto del medico. Un rompicoglioni, un attaccabrighe, uno che mette in discussione i telegiornali, la Chiesa, il Governo. Uno che è altro si sente spesso un po’ solo. Sul Titanic vede l’iceberg dove gli altri a lui scorgono banchi di nebbia. Lo sconforto lo prende più per non essere creduto che per il fatto di finire contro una montagna di ghiaccio. Uno che è altro qualche volta vuole rientrare nel gruppo. Occuparsi delle solite cose per bene di nessuna importanza. Tirare a campare. La vita scorre e chi segue la corrente finisce sempre in qualche fogna. Ma questo lo viene a sapere solo dopo.

Annunci

Tag: , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: